Frutta e verdura dall’orto alla tavola: la storia del banco di Stefania al Mercato Trieste 🥭

Stefania Piselli ha un banco storico al Mercato Trieste, lei è solo l’ultima generazione di una stirpe di produttori agricoli che hanno venduto i loro prodotti al mercato di via Chiana fin dagli anni successivi alla seconda guerra mondiale.

Frutta e verdura dei contadini locali, rigorosamente a km0 e sempre di stagione: questa è la proposta quotidiana di Stefania ai suoi clienti, anche con un servizio di consegna a domicilio puntuale, per portare la spesa a casa soprattutto in un momento storico in cui è preferibile non uscire.

Una storia lunga 60 anni, iniziata subito dopo la seconda guerra mondiale

La storia del banco di Stefania parte da molto lontano. I suoi nonni comprarono un terreno nella campagna romana con le agevolazioni date agli ex-combattenti della seconda guerra mondiale e cominciarono a coltivare tutte le verdure e la frutta di stagione in quell’orto, trasformandolo in un vero e proprio giardino. Ogni mattina la nonna di Stefania portava con un carro i prodotti al mercato quando ancora non esisteva la struttura al coperto: i banchi si trovavano sotto gli alberi della piazza di via Chiana.

mercato trieste
Con gli anni il banco è passato ai genitori di Stefania, che l’hanno portato avanti con impegno e passione per quasi trent’anni, fino al 1996, quando Stefania ha preso in mano definitivamente le redini dell’attività, che gestisce da allora insieme con il compagno Roberto.

La frutta e la verdura di Stefania, la qualitĂ  dei prodotti del territorio sempre a km0

I genitori di Stefania compravano la frutta ai mercati generali quando ancora si trovavano in via Ostiense e producevano la verdura direttamente nel loro orto-giardino. Stefania ha mantenuto questa tradizione, scegliendo parte dei suoi prodotti ai mercati generali, affidandosi però solo ai produttori locali con frutta e verdura a km0 e rigorosamente di stagione. Alcuni ortaggi li coltiva ancora nel suo orto a Montefiascone. In questo periodo per esempio è possibile trovare melograni, zucche, bieta e rughetta.

I funghi porcini e i tartufi sono un segno distintivo del banco di Stefania, che privilegia sempre i prodotti italiani e in particolare quelli locali. Alcuni clienti li ha ereditati direttamente dai genitori, ma ormai con molti si è instaurato un rapporto di completa fiducia, “Le persone sanno che la qualità dei prodotti è eccellente” afferma senza esitazione Stefania, che con grande impegno, mantiene in vita le vecchie tradizioni dei contadini: la passata di pomodoro fatta in casa da lei stessa. La selezione di miele artigianale a km0 e di marmellate. Al suo banco si possono trovare anche alcuni dei presidi Slow Food, come i fagioli zolfini e i ceci neri.

“Durante il primo lockdown ci siamo organizzati con le consegne a domicilio tramite il municipio, cui abbiamo dato la nostra disponibilità per portare la spesa a casa delle persone – racconta Stefania – Continuiamo a farlo perché è un servizio che vogliamo dare ai nostri clienti: in un momento in cui è opportuno uscire il meno possibile anche noi vogliamo dare il nostro contributo. Abbiamo dato una mano e siamo pronti a rifarlo”.

Il box di Stefania all’interno del Mercato Trieste è aperto dal lunedì al sabato dalle 7 alle 14. Per ordinare la propria spesa a domicilio è possibile chiamare lo 3406013552 o scrivere a [email protected].

(Fonte: RomaH24 Trieste-Salario)

www.facebook.com/mercatotrieste/photos/a.5679...